Carissimi

 

da ieri siamo nuovamente in lockdown, quasi tutti in zona rossa. I casi confermati, i ricoveri in terapia intensiva e i decessi purtroppo continuano a crescere. Le scuole sono chiuse, le famiglie piegate. Il dolore pesa, la paura √® tanta e la fatica si fa sentire. Ci manca soprattutto l’energia per pensare al futuro.

Ma vediamo un lumicino in fondo al tunnel e si chiama¬†vaccino. Non sono molte le dosi disponibili, mancano qui da noi e molto di pi√Ļ in Africa. Lo ripetiamo:¬†servono pi√Ļ vaccini. Per tutti. Per questo √® necessario¬†sospendere il brevetto¬†in modo da aumentare la produzione. √ą urgente, lo sappiamo, per evitare lo sviluppo di nuove varianti che rischiano di vanificare ogni sforzo. L‚Äôaccordo sulla deroga dei brevetti non √® stato raggiunto nemmeno nel corso dell’ultima riunione dell’Organizzazione mondiale del commercio della settimana scorsa: √® scandaloso! A portare avanti la richiesta India e Sudafrica, contrari Usa, Regno Unito e Commissione Ue. Nonostante il moltiplicarsi degli appelli, tra cui quello dell‚ÄôOms, sottoscritto tra gli altri anche dal Cuamm, per una sospensione dei diritti anche solo temporanea.

 

Nonostante tutto qualche vaccino sta arrivando anche in Africa, attraverso il Covax e alcuni doni della Cina. Pochissimi, se rapportati alla popolazione, ma arrivano. Sierra Leone: 100.000; Mozambico: 200.000; Angola: 600.000; Sud Sudan: 700.000; Uganda: 900.000; Etiopia: 2.200.000. 

 

Stiamo gi√† mettendo a disposizione del sistema vaccinale locale le nostre risorse¬†umane e logistiche che sono sul posto (personale, pick up, moto, frigoriferi…) ma sono sistemi fragilissimi e i bisogni sono infiniti. Dobbiamo fare di pi√Ļ. Bisogna lavorare con ogni energia per rafforzare la logistica, il personale, le comunit√†, servono mezzi e formazione.¬†E bisogna farlo adesso. L’iniziativa “un vaccino per noi” che abbiamo lanciato, serve proprio per questo. Perch√© quando i vaccini arriveranno in quantit√† finalmente superiori la macchina ‘distributiva’ possa essere pronta, attrezzata ed efficace. Lo vediamo in Italia, immaginatevi in Paesi debolissimi come quelli in cui siamo coinvolti. √ą proprio l√¨ che dobbiamo sostenere e lavorare, con l’aiuto di tutti. La sfida fa tremare, richiede intelligenza e cuore, ma non ci tiriamo indietro.¬†Dobbiamo trasformare il vaccino in vaccinazione vera e propria,¬†iniziando dai nostri colleghi medici e infermieri locali, particolarmente esposti al contagio, per poi arrivare a tutti. Ce lo spiega bene il nostro dr. Giovanni Putoto dal Mozambico, l√¨ dove il numero di casi continua vertiginosamente a salire per la vicinanza con il Sudafrica.¬†Perch√©, come ci ricorda Giovanni, ‚Äúinsieme agli appelli poi ci sono cose molte concrete da fare‚ÄĚ e noi siamo l√¨ sul campo, sempre ‚Äúcon‚ÄĚ, a fare la nostra parte.

 

Grazie di essere al nostro fianco e di unirti alla grande sfida di¬†‚ÄúUn vaccino per ‚Äėnoi‚Äô‚ÄĚ. Ci salveremo davvero solo se lo faremo insieme.

 

D. Dante